Cambridge

Luca Stefanucci, Anna Maria Ranzoni ed Igor Di Felice

Sommario

3 pro:

  • Ambiente accademico e stimoli come pochi posti al mondo hanno
  • Citta calma
  • Multiculturalità

3 contro:

  • Piove spesso
  • Città non collegata benissimo (eccezione fatta per Londra)
  • Persone non stanno molto e di conseguenza è difficile stringere amicizie durature

3 cose da fare assolutamente:

  • Punting
  • Tour dei college
  • Formal dinner

Università

L’Università di Cambridge sicuramente non ha bisogno di molta introduzione. Ciò che necessita di qualche parola è la struttura dell’università. Non molti sanno che l’università ha una struttura molto decentralizzata, si contano sulle dita di una mano gli uffici che si interessano dell’università nella sua totalità. Tutte le attività accademiche sono gestite dai 31 college e da un centinaio di dipartimenti. I College hanno un ruolo centrale per la vita di tutti gli studenti, dall’immatricolazione fino all’ultimo anno di dottorato. Ogni studente deve essere affiliato ad un college. Gli studenti durante la laurea triennale, dormono, mangiano, seguono parte delle lezioni e studiano all’interno del college. Per questo, i college hanno un ruolo talmente importante nella vita accademica e sociale degli studenti, che questi ultimi sviluppano un senso di appartenenza incredibile. Una delle primissime domande quando si incontra due studenti di Cambridge è: <<In quale college studi?>>.

L’organizzazione del corso di dottorato può variare molto in base al programma e all’ente finanziatore. Un PhD full time può durare 3 o 4 anni oppure prevedere rotation nel primo anno (3/4 mesi in 3 gruppi di lavoro diversi e poi lavorare i restanti 3 anni di dottorato in quello più in linea con i tuoi interessi). 

Tutti i programmi di dottorato, però, hanno due costanti:

  1. Il primo anno di dottorato è probatorio. Al termine del primo anno c’è un’esame durante il quale si deve dimostrare di avere i requisiti per portare al termine il PhD. Solo al superamento dell’esame si viene ufficialmente iscritti al programma di dottorato. Se l’esame non viene superato lo studente può ripetere l’esame e quindi rinviare la decisione o lasciare il corso di dottorato conseguendo un titolo di studi equivalente ad una Master of Philosophy (MPhil).
  2. La tesi di dottorato per un percorso full time deve essere consegnata al termine del quarto anno di corso (ci sono dei rari casi in cui è possibile chiedere un estensione).

Ad ogni PhD student vengono assegnati 3 supervisors. “First supervisor” con cui si lavora a stretto contatto ed é il punto di riferimento per il progetto principale. “Second supervisor” che ha una funziona molto variegata, con compiti che vanno da ulteriore mentore a paciere in caso di punti di vista troppo diversi e/o accesi. Ultimo, il “College tutor”, un professore affiliato al college che ha un ruolo di “confessore” per lo studente, affrontando problemi accademici, ma anche di altra nature, come quelli monetari.

Stipendio/agevolazioni fiscali/sistema sanitario

Il salario medio di uno studente di dottorato oscilla intorno alle £1300 sterline mensili, ma alcune borse di studio come la Wellcome trust, possono essere più generose nella parte della scholarship che copre le spese per il mantenimento.

Lo stipendio è accreditato sul conto corrente inglese con pagamenti mensili. Aprire un conto bancario non è semplicissimo perché la banca chiede prova di residenza e qualche garanzia. I college sono di grande aiuto nel garantire per voi, specialmente se la residenza é una proprietá del college. Gestire il conto è estremamente facile ed è possibile svolgere quasi tutte le operazioni bancarie dallo smartphone.

Quando iscritti ad un corso di studi di dottorato in UK, si è considerati studenti. Per questo non si pagano tasse in assoluto, né sulla borsa di studio né la council tax e per questo non é necessario avere il NIN (National Insurance Number). Unico tipo di “tassa” da pagare è la retta universitaria, che per Cambridge è abbastanza elevata, ma in genere é coperta dall’ente che sovvenziona il dottorato (non sempre, quindi fateci attenzione).

Cambridge ruota molto intorno agli studenti. Tutti i musei sono gratuiti per gli studenti dell’universitá. Per questo molti negozi cercano di attirare il maggior numero di studenti offrendo piccoli sconti del 10-15%. Esiste anche un Grad center, frequentato quasi esclusivamente da studenti/dipendenti dell’universitå, che offre palestra, mensa e caffetteria a prezzi ridotti. Inoltre, essere uno studente consente di avere sconti su diversi portali come ad esempio UNiDAYS (disponibile in tutta Inghilterra) e CAMbens discount.

Affitti

Come tutte le città universitarie che si rispettino, trovare casa a Cambridge è un’Odissea. Tantissimi studenti cercano casa ogni anno, facendo felici i proprietari degli immobili che possono speculare quanto vogliono. Una camera singola, in una casa condivisa, in una zona relativamente vicina al centro (~3 Km dal centro) ha un prezzo medio di £500/600 per mese (in genere questo include anche le utenze acqua, luce ed Internet). Esistono diverse piattaforme dove affittuari o inquilini “postano” camere. Cambridge é una cittá molto tranquilla e non esistono zone, quartieri o vie da evitare, quindi si può scegliere liberamente la zona in base ad altre priorità. Due valide alternative sono Gumtree o un gruppo di Facebook chiamato “Cambridge accommodation and flatshare”.

Una solida alternativa é applicare per una college accommodation. Ogni college tenta di garantire, almeno per il primo anno di studi, una stanza ai nuovi studenti. I prezzi sono in linea con il mercato dei privati, però si riduce di molto il tempo di ricerca, si annulla la possibilità di una truffa e tutta la maintenance é curata dal college. Altro vantaggio del vivere in college è quello di essere immerso nella vita sociale del proprio college, cosa completamente nuova per uno studente italiano e con attivitá praticamente ogni sera.

Trasporti

La cittá e relativamente piccola, quindi è consigliabile muoversi a piedi oppure in bici. La bici, infatti, è il mezzo preferito del 90% degli abitanti di Cambridge e per strada ogni giorno si vedono migliaia di biciclette. Visto l’elevato numero di bici presenti, una delle principali attivitå della “malavita” di Cambridge è il “racket di biciclette” (malavita non ce ne é, la criminalità è praticamente inesistente), quindi quando all’acquisto della bici comprate una catena altrettanto sicura.

Il traffico delle auto, specialmente nelle ore di punta, è folle. Si rischia di passare ore in macchina per pochi chilometri. Purtroppo va da sé che lo stesso destino è riservato a chi decide di muoversi in bus. Quando il clima è particolarmente inglese (inglese = pioggia) risparmiarsi una pedalata é lecito. Le principali vie della città sono ben collegate e l’università offre un servizio navetta molto conveniente, l’Universal. Che costa “solamente” £1 a tratta. Per una gita fuori porta, un viaggio all’Ikea o piccoli traslochi, é possibile noleggiare un auto per il tempo necessario tramite il servizio offerto da ZipCar, molto più conveniente e flessibile di altre compagnie di noleggio.

Cambridge ha due stazioni ferroviarie, una principale nel centro città ed una leggermente più a Nord. I treni sono abbastanza costosi e l’intera isola non è collegata benissimo, ma tutto sommato restano il mezzo più conveniente per spostamenti medio-lunghi. Se si ha intenzione di viaggiare molto tramite treno è conveniente acquistare da subito una Railcard (esiste una versione per studenti). La Railcard costa 30£ annui, ma consente di avere il 30% di sconto su tutte le tratte off-peak.

L’aeroporto di Stansted è a 30 minuti di treno da Cambridge. Le uniche compagnie aeree a volare da Stansted sono compagnie low-cost che offrono collegamenti ad un prezzo più che ragionevole per le principali città europee.

Spesa/Shopping

A Cambridge si ha la possibilità di fare la spesa nelle principali catene inglesi di supermarket. Waitrose, M&S, Co-op, Sainsbury’s, Tesco e qualche altro. In centro in genere si hanno dei piccoli store con tutte il necessario per la spesa di tutti i giorni, mentre muovendosi poco fuori cittå si hanno dei megastore con molta più scelta. Praticamente tutti i supermarket consentono di ordinare la spesa online e vederla consegnata alla propria porta di casa in modo gratuito o per un piccolo sovrapprezzo.

Tutti i giorni alla settimana, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, si può fare spesa nel mercato aperto di Cambridge, ospitato nella piazza principale della cittá, Market square. Si possono comprare prodotti primari, come frutta, pane o formaggi, oppure assaggiare piatti caldi provenienti diverse cucine del mondo (fortemente consigliato lo stand con la cucina brasiliana).

Sicuramente Cambridge non è la capitale mondiale della moda, ma offre qualche soluzione per vestire tutte le tasche. Ci sono soluzioni economiche, come Primark, H&M o ZARA, oppurealtre che puntano ad un mercato leggermente diverso come John Lewis, piccoli retailer locali o Hugo Boss.

Movida e Locali

La gran parte della vita notturna degli studenti di Cambridge si svolge nei college, quasi tutti provvisti di bar/pub al proprio interno, sale comuni, biliardi e tanto altro. La serata può essere nel proprio college o nel college di qualche amico (spesso serve essere in compagnia di una persona membro del college). I college organizzano una serie di eventi più o meno particolari, formal dinner(si cena in una dining hall sullo stile di Harry Potter, necessario l’abito da sera) e bop(una simil discoteca, in genere con un tema per la serata)sono quelli più comuni. La massima espressione della vita notturna degli studenti di Cambridge si ha durante i May Ball.A Giugno (per coerenza con il nome), tutti i college organizzano delle super feste, con laser games, silent disco, Casinó, fuochi d’artificio e centinaia di altre attrazioni.

Ovviamente la città offre anche altri tipi di attrazioni. Alcune più in linea con l’idea di Cambridge come centro culturale, altre meno. Ad esempio, ogni sera é possibile andare in qualche pub e sentire talk sui temi di attualità di qualsiasi disciplina, eventi Pechakucha. Altre serate dove é possibile dipingere e sorseggiare un calice di vino all’interno di un museo o provare a risolvere delle cacce al tesoro organizzate per tutta la città. Ma Cambridge offrire anche discoteche per diversi gusti musicali e fasce di età. La più gettonata fra i giovanissimi è il Wetherspoons, dove l’alcool è venduto a prezzi ridicolmente bassi, oppure, alzando la fascia di età si può finire al Revolution oppure Vinyl.

Una perfetta via di mezzo è una serata Jazz. Cambridge ama il Jazz! Infatti, molti college organizzano con cadenza settimanale serate Jazz. Inoltre, ogni novembre alcuni locali della città ospitano un festival Jazz, con artisti che vengono da tutto il mondo “solo per una gig a Cambridge”.

Beyond Cambridge

A 50 minuti di treno da Cambridge, Londra é la destinazione perfetta per una gita fuori porta. Purtroppo però l’ultimo treno per Cambridge parte intorno a mezzanotte e se si vuole passare la serata, si corre il rischio di sentirsi un po’ come Cenerentola (sperando poi che il giorno dopo nessuno ti cerchi per riportarti la scarpetta).

Oxford, a.k.a. “the other place”, la nemesi per gli studenti di Cambridge, è un’altra meta ideale per una gita in giornata. La città ha uno stile molto simile a Cambridge, ma meno dipendente dall’Università.

Per chi vuole immergersi un fine settimana nella natura e/o avventurarsi in una esperienza di guida in UK, alcune mete mozzafiato e facilmente raggiungibili sono Seven Sisters (la classica scogliera sfondo di Windows)o il Lake district.

Un sentito grazie ad Anna Maria Ranzoni ed Igor Di Felice per il loro aiuto nella revisione del testo.

Liked it? Take a second to support Eleonora Vanello on Patreon!