Gothenburg

Chalmers University of Technology, Gothenburg (Göteborg), SWE
di Francesco Baldi

Foto: Wikipedia

Sommario

3 pro:

  • Un sistema di welfare estremamente sviluppato.
  • La natura (laghi, foreste, isole) è a un passo.
  • Il 90% della popolazione parla inglese senza problemi.

3 contro:

  • La difficoltà di integrarsi con gli svedesi.
  • La mentalità svedese del “non litigare” a tutti i costi.
  • Il clima: la pioggia, il grigio, e le interminabili ore di buio in inverno.

3 cose da fare assolutamente

  • Correre la Göteborgsvarvet, la mezza maratona (21 km) piú grande d’Europa!
  • Passare una domenica estiva di sole passeggiando sulle isole dell’arcipelago, o in riva ad uno dei molti laghi poco fuori città.
  • Vedere il tramonto sulla città dalla terrazza di Masthugget.

 

 

Online Platforms / Facilities

In università: Chalmers

La Chalmers è una università privata. In particolare, è gestita dalla Chalmers Foundation. Riceve comunque finanziamenti statali, e deve concedere esattamente le stesse condizioni in termini di ammissioni di tutte le altre università svedesi: insomma, più che una università privata si parla di una università pubblica gestita da un ente privato.

L’università offre a numerose facilities per gli studenti gestite dalla Student Union (SU) , alla quale tutti gli studenti (anche i dottorandi!) devono iscriversi tramite pagamento di una quota (circa 20 euro) con cadenza semestrale.

I servizi comprendono: sauna, piccola piscina, palestra (nel senso scolastico del termine: chiunque la puó prenotare per qualunque attivitá, dal calcetto al basket al badminton!), sale di registrazione. All’interno della SU c’é anche un pub dai prezzi abbordabili (per standard svedesi…) e locali per conferenze. In aggiunta, la SU possiede e gestisce anche due casette con sauna situate in riva a un laghetto vicino all’aeroporto di Göteborg, prenotabili da chiunque lavori o studi in Chalmers.

La SU fa anche da contenitore per molti club, che vanno dal club di Karate, a quello di mongolfiera (non sto scherzando!) a quello di vela . Basta iscriversi, pagare la quota annuale (generalmente irrisoria), e divertirsi!

Per tutti i suoi impiegati, inoltre, la Chalmers contribuisce con 2000 corone (circa 200 euro) all’anno per attivitá sportive. Tessera per la palestra, abbonamento in piscina, iscrizione al torneo di calcetto, vale un po’ tutto a patto che includa una attivitá fisica!

NOTA: L’universitá ha due campus: il campus principale é situato a Johanneberg, in collina, ed é dove si trova la maggior parte delle facilities. Un paio di dipartimenti (Shipping and Marine Technology, Applied IT, e parte di Software Engineering) sono situati nel campus di Lindholmnen. Meno facilities, ma é molto piú figo, situato in riva al fiume!

 

 

Stipendi e burocrazia

Il sistema burocratico e di welfare svedese funziona con estrema efficienza – una volta che si é parte del sistema. Quindi mi raccomando, la prima cosa da fare appena arrivati in Svezia è andare allo Skatteverket e ottenere un personal number (PN): è analogo al codice fiscale in Italia e qui ve lo chiederanno per fare qualsiasi cosa!

La Svezia ha un elevatissimo grado di informatizzazione. Se vai dal medico, non ti dà una ricetta per i farmaci: li inserisce nel sistema, e quando tu vai in farmacia e dai il tuo PN ti danno il medicinale. Online si possono prenotare ristoranti e cinema. La dichiarazione dei redditi la ricevi a casa precompilata, e la accetti mandando un SMS. Molti documenti personali sono scaricabili direttamente online (cose per le quali in Italia tipicamente si andrebbe a fare la fila in comune).

Stipendio/agevolazioni fiscali/sistema sanitario

Lo stipendio di un dottorando alla Chalmers é di 21000 SEK (tra i 2100 e i 2500 EUR a seconda del cambio) al mese per i primi tre anni, poi aumentato a 23000 SEK per il quarto e infine 24000 SEK per l’ultimo dei 5 anni di dottorato. Lo stipendio é versato direttamente sul tuo conto, che é relativamente facile aprire in una delle 3-4 grosse banche con filiali in un po’ tutta Göteborg, sostanzialmente equivalenti tra loro.

Il sistema sanitario nazionale é basato su due pilastri principali: per le emergenze, come in Italia, ci sono i grossi ospedali. Funzionano…all’Italiana (non aspettatevi brevi tempi di attesa), e spesso non é facile sapere dove bisogna andare per i servizi specialistici. Il secondo pilastro sono i centri medici (Vårdcentral), gestiti da enti privati ma accessibili tramite il sistema sanitario nazionale, pagando un ticket per ogni visita di 100 SEK. Questi funzionano relativamente bene, sono molto puntuali ed efficienti.

Un piccolo disclaimer: il sistema sanitario svedese é basato molto sul “aspetta e vedi”: molte persone si sono lamentate di aver ricevuto la prescrizione per esami specialistici dal medico di base (che ti viene assegnato nel momento in cui ti registri a un Vårdcentral) quando ormai era giá parecchio tardi sullo sviluppo del problema. Da tenere in conto. Alcuni sono pure tornati in Italia a farsi curare!

 

Affitti

ATTENZIONE ATTENZIONE!!! TROVARE CASA A GOTEBORG É UN CASINO!! La situazione degli alloggi é critica, ed anche se essendo studenti si ha accesso all’estesa rete di alloggi studenteschi, trovare casa é sempre un bel casino.

In generale, quando si parla di canali ufficiali come Boplats (www.nya.boplats.se)  in Svezia vige il sistema del queue system, ovvero “chi primo arriva primo alloggia”. Ci si iscrive al sito, e si entra in un sistema di code che privilegia chi ha atteso più a lungo, con tempi di attesa che possono arrivare anche a 6 anni! Quindi potrebbe non fare al caso vostro.. Sfruttando i canali studenteschi, SGS (www.sgsstudentbostader.se) é la soluzione più percorribile. Anche in questo caso il sistema e’ a code, e con l’aumentare del tempo di attesa aumentano le chances di ottenere alloggi migliori….Nei primi mesi avrete cosí poco tempo di attesa che non vi potrete permettere niente più di uno sgabuzzino..Pero’ se vi tenete regolarmente aggiornati sul sito potreste riuscire ad aggiudicarvi una delle offerte “last minute”!

Un altra opzione da considerare sopratutto all’inizio o in generale se volete evitare gli appartamenti studenteschi e’www.blocket.se; in questo caso si parla di “andrahandskontract”, affitti di seconda mano, alias subaffitto. Sono legali, ma a corta durata. Direttamente sul sito potete creare il vostro annuncio in cui ci si descrive e si dice che si cerca casa: a quanto pare molta gente, invece di mettere il loro annuncio di affitto sul sito e farsi poi chiamare da 100 persone al giorno, preferiscono vedere i profili di chi cerca casa e contattarli direttamente loro.

Riguardo le zone: le più carine sono Majorna e Eriksberg, ma anche le più difficili da ottenere. In genere tutta Goteborg è relativamente ben servita da trasporti e servizi. Occhio a Biskåpsgården e Kortedala: sono aree con leggere tendenze a fenomeni di gang di strada.

Trasporti

Il sistema dei trasporti pubblici a Göteborg é esteso ed efficiente (checché ne dicano gli svedesi che si lamentano sempre) fatto sopratutto di  tram e autobus, dislocati sull’intera rete cittadina, facili da usare anche tramite il sito www.vasttrafik.se e la relativa App. Costosetti se si acquista il biglietto singolo, ma abbordabili se si fa l’abbonamento.

Göteborg ha anche una fantastica rete di piste ciclabili, tramite le quali si puó arrivare praticamente ovunque! Una volta che si impara ad avere una giacca impermeabile sempre addosso, uno zaino impermeabile in spalla con dentro dei sovra pantaloni (indovina un po’? Impermeabili pure quelli!) si può andare in bici tutto l’anno. Occhio quando ghiaccia per terra in inverno, ma con un po’ di attenzione (o con gli pneumatici chiodati) si va lo stesso.

Se siete amanti dell’auto, invece, Göteborg non é proprio vostra amica: a parte la tassa di ingresso (tra 8 e 20 SEK per ingresso a seconda dell’orario della giornata), il sistema di sensi unici é semplicemente poco amichevole. Consiglio spassionato: se avete l’auto tenetela in garage, a meno che non dobbiate andare da Ikea, a Ullared, o in gita al lago.

Spesa

I grossi supermercati sono un po’ ovunque, sia in centro che fuori, e sono generalmente aperti fino alle 21 durante la settimana e fino alle 20 nel weekend (ovviamente cambia da posto a posto!). Il costo dei prodotti è  paragonabile all’Italia, tranne che per alcuni prodotti specifici (come frutta, verdura) . Nella fascia “prezzi alti” abbiamo Hemköp e ICA, mentre Netto e Lidl li includiamo tra gli “economici”. In mezzo, COOP (sì, c’è la COOP pure in Svezia! Stesso simbolo, ma verde invece che rosso) e Willy’s.

Se volete acquistare dell’alcol tenete a mente che in Svezia c’e’ un controllo di tipo statale. Alcolici con gradazione superiore ai 3.5% si possono acquistare solo nei negozi di una catena, di monopolio statale, di nome “Systembolaget”. Ce ne sono parecchie, quindi non è un problema trovarla. Solo che bisogna andarci apposta, fa orari meno amichevoli dei supermercati, ed è chiusa la domenica!

Movida e locali

Le possibilità di divertirsi e fare festa a Göteborg non mancano: ma tenete a mente che bere e mangiare fuori in Svezia costa assai!

Le aree principali per i locali e la vita notturna sono due: lungo Andralånggatan (letteralmente “la seconda via lunga”) si trovano una dozzina ti pub, tutti molto simili, dove bere una birra e mangiare un hamburger. Alcuni di questi (Kelly’s, King’s Head) sono particolarmente economici (con relative conseguenze su qualità di cibo e bevande), altri sono più in linea con gli standard svedesi. La seconda possibilità e la Avenyn, un vialone in salita che va più o meno dalla piazza centrale alla statua del Nettuno. Qui si trovano i locali un po’ più “in”, discoteche e varie.

Beyond Goteborg

Nelle vicinanze di Goteborg vi sono molte possibilità per attività di vario tipo, soprattutto legate alla natura. Andando verso Sud-Est, l’area del lago di Delsjön offre sia belle passeggiate in riva al lago in mezzo alla foresta che, quando le temperature lo consentono, una piacevole zona di balneazione in acqua dolce. Dal lato opposto, verso Ovest, è facile arrivare a Saltholmen dove è possibile sia fare il bagno in mare, che prendere un traghetto per le isole dell’arcipelago meridionale (la mia preferita é Brännö, ma sono tutte belle!) per farsi un giretto tra passeggiate naturali e villaggi di casette ben curate. Se la costa rocciosa di Saltholmen non vi convince, andate più a Sud fino ad Askim per delle spiagge sabbiose come si deve.
Per giri un po’ più lunghi, prendete il bus “Marstrand Express” per l’omonima località, dove troverete un paesino delizioso ed una fortezza medioevale situati su di un’isola ad un tiro di fionda dalla costa.

Buon viaggio!

TORNA ALLA MAPPA

 

Liked it? Take a second to support gcwptest on Patreon!