Grenoble

Grenoble, FR
di Elisa Dell’Aglio

Foto: Wikipedia

Sommario

3 pro:

  • Ideale per gli animi sportivi.
  • Molto vicina all’Italia.
  • A misura d’uomo.

3 contro:

  • Nei fine settimana e d’estate la città si svuota.
  • Poche attrazioni cittadine.
  • Spesso il francese e richiesto per comunicare.

3 cose da fare assolutamente

  • Salire alla Bastiglia, a piedi oppure con le cabine della teleferica (le famose “uova” di Grenoble)
  • Gustare una raclette ai mercatini di Natale, con musica dal vivo.
  • Visitare il museo di storia naturale e l’annesso giardino botanico.

Centri di ricerca

Grenoble è una città molto ricca di centri di ricerca e piattaforme scientifiche, tra cui un centro EMBL e un sincrotrone spesso usato da ricercatori di tutta Europa per la strutturistica di proteine. Al fianco del sincrotrone si trovano l’IBS (Institut de Biologie Structurale), il CNRS (equivalente del nostro CNR) e il campus del CEA, che si occupa di energia ma anche di ingegneria, nanotecnologie e biologia e ogni anno offre alcune borse di dottorato mediante programmi internazionali come IRTELIS. Sempre in zona c’è anche l’Institut Laue-Langevin, importante centro di ricerca sui neutroni. Dall’altra parte della città sorge invece l’ospedale con vari istituti di ricerca (come l’Institut Albert Bonniot). L'”Université Grenoble Alpes” raggruppa le sei università cittadine che spaziano dalle scienze pure alla filosofia e si trova nella vicina cittadina di Saint Martin d’Hères. Altri centri di formazione e ricerca (scuole di architettura, economia e ingegneria) sono sparsi per la città.

Stipendi e burocrazia

In Francia lo stipendio di un dottorando con borsa ministeriale è di solito un po’ meno di 2000 euro al mese da cui sarà detratto circa un terzo per tasse e contributi. Attenzione: non tutte le tasse sono detratte automaticamente dalla vostra busta paga. Verso maggio dovete compilare la dichiarazione dei redditi (il primo anno in formato cartaceo, dal secondo anche online) e il fisco vi chiederà di pagare ulteriori tasse in base al vostro reddito.

Chi si trasferisce in Francia deve passare attraverso una serie di procedure spesso faticose e ricche di intoppi: la banca vi chiederà un indirizzo per aprire il conto, ma l’agenzia immobiliare vi chiederà il numero del conto corrente per firmarvi il contratto… Non esiste una procedura univoca ma dovrete fare affidamento alla vostra segreteria o farvi aiutare dai vostri colleghi. Inoltre gli orari degli uffici sono molto ristretti e i numerosi giorni di vacanza fanno sì che le pratiche procedano molto a rilento. Spesso negli uffici non vi capiterà di trovare staff che parla inglese: malgrado italiano e francese si assomiglino molto, cercate di prepararvi sempre sul vocabolario attinente al vostro problema prima di telefonare o recarvi sul posto. La nota positiva è che – una volta concluso l’iter burocratico per la casa, il conto in banca e firmato il contratto di lavoro – nessuno vi disturberà più per tutto il dottorato!

Se avete necessità di rivolgervi al consolato (ad esempio per l’iscrizione all’AIRE), quello più vicino si trova a Lione, ma spesso potrete effettuare tutte le vostre procedure direttamente online o tramite posta ordinaria.

Assistenza sanitaria

In genere i costi per la propria assistenza sanitaria, come ad esempio per le visite mediche, sono pagati in anticipo dal paziente e parzialmente rimborsati dal sistema sanitario (Caisse d’Assurance Maladie: la nostra mutua). Per facilitare le procedure, è bene munirsi di una “Carte Vitale” che può essere richiesta online.

Affitti

A Grenoble l’affitto di un monolocale non arredato di circa 25 metri quadri oscilla tra i 400 e i 500 euro al mese, spese escluse. Ce ne sono anche di più piccoli a pezzo più basso, ma per contenere i costi e non vivere “inscatolati” è consigliabile coabitare, vivere nelle residenze universitarie oppure spostarsi fuori città. Il miglioramento della rete dei trasporti pubblici degli ultimi anni sta cominciando a favorire quest’ultima opzione. È importante però tenere presente che fuori dal centro cittadino le attrazioni sono ridotte e le strade poco frequentate la sera sopratutto nella periferia sud, che appare alquanto malfamata.

I francesi chiedono spesso molte garanzie prima di concedere un appartamento in affitto, tra cui la firma di un garante (una persona con uno stipendio fisso che si impegna a pagare al vostro posto se siete impossibilitati). Il problema è che spesso le agenzie o i privati richiedono che il garante risieda in Francia. Se non conoscete nessuno, potete chiedere a un collega o ad associazioni come l’ANIL.

Infine, i locatari di un appartamento al 2 gennaio di ogni anno saranno tenuti al pagamento della “taxe d’habitation”.

Trasporti

Pur essendo circondata dalle montagne, Grenoble è la città più piatta d’Europa e per questo si gira molto bene in bicicletta. Non conviene però procurarsi modelli troppo costosi perché i furti sono frequenti. Meglio una bici di seconda mano o il bike sharing (métrovélo).

La rete tranviaria è molto ben sviluppata ed efficiente anche a tarda sera. Gli autobus sono invece sporadici nelle ore serali.

Se non volete rimanere imbottigliati nel traffico, la mattina o il venerdì sera evitate di usare la macchina.

Spesa

Le catene di supermercati più diffuse sono Carrefour, Casino e Monoprix. Più economico è l’Intermarché che si trova però in periferia.

In centro, ci sono un paio di supermercatini con prodotti italiani che saranno utilissimi soprattutto per i biscotti della prima colazione, che in Francia non esistono!

Per i palati più raffinati, visitate il mercato coperto Les Halles Saint-Claire e le ottime cioccolaterie del centro.

La città è anche ricca di mercati rionali. Il più famoso è quello di Place des Herbes.

Movida e locali

La città conta alcune discoteche e locali, la maggior parte nel centro storico o lungo l’Isère. Si tratta sempre di posti molto piccoli, per cui è importante uscire presto la sera per evitare che sia tutto pieno quando si arriva. D’estate il parco Paul Mistral si trasforma in un grande locale all’aperto dove spesso si organizzano concerti.

Sulla riva destra dell’Isère (Voie de Corato) troverete una ventina di pizzerie una dietro l’altra. Ma a parte alcuni autentici ristoranti italiani del centro, è consigliabile optare per la cucina locale che prevede soprattutto piatti a base di formaggio come il gratin dauphinois, la raclette e la fonduta (fondue) savoiarda. Le famose noci di Grenoble sono un ingrediente molto diffuso per dolci e cioccolato. Consigliati anche alcuni locali etnici come tapas bar e i piccoli ristoranti libanesi da asporto.

Le città vanta alcuni musei e teatri (come la Maison de la Culture) ma qui tutto ruota intorno alle stazioni sciistiche. Per la stesse ragione, non aspettatevi negozi di lusso e preparatevi a vedere persone in scarponi da montagna e tuta anche alle cerimonie più importanti!

Beyond Grenoble

 

Le stazioni sciistiche sono a due passi ed è facilissimo fare l’andata e il ritorno in giornata. La montagna offre poi monte altre possibilità di intrattenimento, da una semplice camminata sull’altopiano del Vercors (con fonduta serale) alle vie ferrate. Per questo d’inverno la città è quasi vuota il finesettimana. Lo stesso accade d’estate quando il caldo diventa insopportabile e la gente cerca refrigerio ad alta quota o presso i vicini laghi come quello di Monteynard o di Paladru.

Per gli amanti del kayak o del rafting, l’appuntamento è d’estate sulle rive dell’Isère in Savoia oppure nella vicina regione dell’Ardèche.

In primavera è obbligatoria una visita al giardino alpino del Lautaret, nell’Oisans, dove a 2100 metri di altezza sorge un centro di ricerca sulla flora di montagna. Gli studenti e i ricercatori vi guideranno verso la conoscenza di più di 2000 specie di piante, spesso rare e dai magnifici fiori.

Tra i piccoli borghi intorno alla città ricordiamo Vizille, sede di un museo della rivoluzione francese circondato da un grande parco con animali. La festa della rivoluzione si tiene ogni anno nella settimana del 14 luglio ed è un evento da non perdere.

Buon viaggio!

TORNA ALLA MAPPA

Liked it? Take a second to support gcwptest on Patreon!